Mostre Culturali

Pubblicato sabato 28 agosto 2010

Le mostre aprono alle ore 20, dal 28 agosto all'1 settembre.

L’avventura della conoscenza nella pittura: Masaccio, Beato Angelico, Piero Della Francesca

(mostra in Oratorio)

Nel giro di un quarto di secolo, in pieno Quattrocento, tra Firenze e Arezzo si manifestano tre episodi figurativi che segnano più di altri il passaggio dal Medioevo al Rinascimento, in un serrato confronto tra tradizione e attualità.

Storicamente sono anni complessi, difficili, affascinanti. Bisanzio, ultimo baluardo europeo contro i Turchi, subisce l’assedio e la capitolazione per mano del Solimano; la Chiesa, riaffermata stabilmente la sede romana, torna ad essere guidata da un solo pontefice e cerca di riunire alla cattedra di Pietro le comunità greche e armene; gli ordini monastici si riformano per recuperare il carisma dei loro fondatori; nelle città italiane, dove famiglie potenti per armi o per denaro si contendono il primato politico, fiorisce la cultura umanistica nei suoi molteplici aspetti letterari, filosofici e scientifici.

In questo contesto di transizione, audace e contraddittorio, Masaccio saliva sui ponteggi della cappella Brancacci a immedesimarsi, attraverso la pittura, nei  gesti e nei passi di San Pietro al seguito di Cristo; meno di vent’anni dopo Beato Angelico, sempre per immagini, rinnovava ai suoi confratelli l’attrattiva dell’affezione a Cristo nelle celle e nei luoghi comuni del convento fiorentino di San Marco; da ultimo, varcata la metà del secolo, in San Francesco ad Arezzo, Piero della Francesca raccontava con evidenza spettacolare i fatti salienti della Leggenda della Croce, facendone monito perché la cristianità non trascurasse l’oriente e Gerusalemme. In questi cicli la dimensione creativa personale degli artisti emerge in un’incontenibile urgenza di bellezza e di significato, che affronta di petto le contraddizioni di un difficile momento storico e culturale, impegnandosi a rendere contemporanei fatti avvenuti nel passato, ma carichi di una pretesa per gli uomini di tutti i tempi.

Per maggiori informazioni www.rivela.org

Bruno Zorzi

(mostra alle Scuole Romagnoli)

Il pittore dipinse i suoi primi quadri nel 1990 sotto la guida dei pittori Morando e Ferrari. Proseguì poi la sua cultura con i pittori V. Frigo e F.Santi. 

Fa parte del Gruppo Amici dell’Arte A.Nardi, molte delle sue opere si trovano in collezioni private. Vive e lavora a Verona Via U.Foscolo n. 12.

Daniele Mazzi “Ludro”

(mostra alle Scuole Romagnoli)

Daniele Mazzi è nato a Verona nel 1948. È un artista autodidatta, con degli amici ha gestito la galleria “Il ludro”. Disegna, dipinge e compone poesie per alcuni suoi quadri.

Si interessa di ecologia e ha ottenuto un brevetto industriale sul risparmio energetico: “Cosa ecologica”. Attualmente vive e lavora a Verona.

Oltre all’esposizione dei suoi lavori, nell’occasione presenterà il libro “La verità nell'attesa”.

Antiche leggi stabiliscono che solo sposandosi una fanciulla può conservare la propria dignità e divenire donna. Luna non può vivere vincolata a catene così pesanti e preferisce partire per un viaggio senza meta. In un medioevo fantastico, il duro pellegrinaggio di una donna verso la propria vita.


Scout VR3
Pastorale Verona
Festa del Patrono
Diocesi di Verona